Al telefono era un comune Signor Mario, ma di persona nessuna delle volontarie del canile di via Del Radizzone di Mariano Comense (Como) lo ha riconosciuto. Era Mario Balotelli, in cerca di un cagnolino da adottare per la sua fidanzata Fanny.

 

Una prima visione della pagina delle adozioni sul sito del canile ha spinto il giovane Mario a telefonare per chiedere informazioni; si è presentato solo come Mario, tanto per non destare curiosità, ed ha detto di essere alla ricerca di un cane di piccola taglia da regalare alla sua fidanzata. Giunto al canile insieme a Fanny, nonostante l’abbigliamento e la fuoriserie da cui è sceso, che di certo non passa inosservata, le volontarie, che non sono appassionate di calcio, non lo hanno riconosciuto.

Solo al termine della visita all’interno del canile, Marco Folloni, presidente dell’associazione Amici del Randagio, che gestisce il canile per conto del Comune, si trova davanti SuperMario. Folloni, grande tifoso rossonero, ha affermato di non aver creduto ai suoi occhi: ha così scambiato qualche chiacchiera con il campione.

Mario era interessato ai cani di piccola taglia e dal carattere tranquillo e giocherellone, poiché in cerca di un regalo per la sua dolce fidanzata che purtroppo non ha molta esperienza con i cani. Mario ha così raccontato al responsabile del canile che il suo Lucky, un incrocio tra un labrador e un pittbull, ha un carattere esplosivo ma allo stesso tempo socievole: anche lui è stato adottato da un canile. Balotelli ha infatti precisato che i cani non si comprano ma si adottano.

 

SuperMario si è poi complimentato con l’intero staff della struttura di Mariano e, dopo la presentazione della sua fidanzata Fanny a tutti i volontari, è salito in auto per continuare la visita in altri canili prima di fare la sua scelta definitiva.