Appartenenti all’ordine dei passeriformi, i canarini, mutuano il loro nome dalle isole Canarie da cui derivano. Su queste isole troviamo il Serinus canaria dal caratteristico colore verde dal quale discendono i canarini da allevamento dai colori variopinti.

Caratteristiche fisiche e caratteriali.
I canarini selvatici sono solitamente più piccoli rispetto a quelli di allevamento e di rado superano i sedici centimetri di lunghezza, mentre in cattività si possono osservare esemplari lunghi anche ventitré centimetri.
Presentano un corpo robusto ed elegante dal piumaggio folto e ben aderente di solito di colore giallo, verde e grigio.
Il becco è proporzionato, forte e dalla forma conica.
Gli occhi sono grandi e scuri.
La caratteristica che contraddistingue i canarini è il canto melodioso. Come accade spesso in natura sono i maschi a sviluppare le maggiori abilità canore mentre le femmine si limitano a semplici cinguettii.
La vita media di un canarino è di dieci anni ma non di rado questo limite è superato e molti esemplari allevati in maniera ottimale raggiungono i venti anni.
Il canarino odia la solitudine, per questo motivo è consigliabile allevare una coppia di uccelli piuttosto che un singolo esemplare. Il loro carattere socievole fa si che possono convivere facilmente anche con esemplari appartenenti ad altre razze.

Alimentazione e cura.
I canarini si alimentano facilmente con le apposite miscele di semi che si trovano in commercio cui devono accompagnarsi tutti i giorni frutta e verdura di stagione. Le verdure devono somministrarsi ben lavate e accuratamente asciugate, la presenza di acqua può, infatti, causare problemi intestinali. Una volta la settimana è consigliabile somministrare dei biscotti all’uovo o un pezzettino di tuorlo d’uovo sodo.
La gabbia dei canarini dev’essere sufficientemente grande da permettergli di avere ampia libertà di movimento. Le misure standard di una gabbia che ospita una coppia di canarini sono 60x30x40 cm con uno sviluppo maggiore in senso orizzontale piuttosto che verticale. Attrezzate la loro casa con tre mangiatoie (cibo secco, umido e frutta), un abbeveratoio, non meno di tre o quattro posatoi e un osso di seppia utile per la pulizia del becco.