Il canarino più diffuso e conosciuto è senza dubbio quello di colore giallo. In realtà i canarini possono avere il piumaggio di diverse colorazioni: se ne contano oltre 300.

 

I canarini sono suddivisi in tre razze principali: i canarini da canto, i canarini di forma e posizione ed i canarini di colore. Di seguito maggiori dettagli relativi a quest’ultima razza.

I canarini di colore, rappresentano la razza di canarino più diffusa ed allevata. Quest’ultimi si suddividono in due grandi gruppi: lipocromici e melaninici. I canarini lipocromici, sono gli esemplari che non presentano colori scuri nel piumaggio (come proprio il canarino giallo). Al contrario i canarini melaninici presentano una pigmentazione scura.

Sia i canarini lipocromici sia quelli melaninici sono suddivisi in varietà, specificata dal colore di base di ciascun canarino. Le varietà di colore più diffuse sono il giallo ed il rosso. Il rosso però, a differenza degli altri colori, non è una cromatura ottenuta in seguito ad una mutazione, ma derivante dall’incrocio con il cardinalino del Venezuela.

Durante la muta i canarini rossi mutano per l’azione di alcuni elementi quali il betacarotene e la cantaxantina, che gli consentono di sviluppare il caratteristico colore rosso acceso.

Altri colori di base presenti nei canarini sono il bianco dominante ed il bianco recessivo. Sono molto simili tra loro, ma una differenza c’è: il recessivo è esclusivamente bianco, mentre il dominante può presentare delle lievi sfumature di giallo sulle penne dell’ala.

Oltre ai colori di base ci sono le diluizioni. La più comune è l’avorio, che agisce sul piumaggio rendendolo più chiaro. Il canarino giallo, nella sua variante diluita, si presenta come giallo avorio, mentre il canarino rosso, con la variante avorio, diventa un canarino avorio rosa.

Un’altra distinzione riguarda la categoria, basata sulla pigmentazione della piuma.
Ci sono 3 categorie: intenso, brinato e mosaico.

L’intenso presenta una colorazione sulla punta di ogni piuma. Il brinato ha la caratteristica colorazione di media grandezza al centro della piuma. Nel canarino mosaico la cromatura è definita solo in alcune zone del piumaggio.