Con l’arrivo della stagione fredda, molti degli uccellini che sono soliti abitare il nostro giardino potrebbero trovarsi in seria difficoltà nel reperimento del cibo.

Il freddo autunnale ed invernale coincide con una generale carenza di cibo, soprattutto a causa della minore reperibilità di insetti, ibernati per le basse temperature. Nel periodo rigido aumenta la necessità fisiologica degli uccellini di mantenere la giusta temperatura corporea, e per incamerare energia devono ingerire molto più cibo rispetto alle stagioni calde. Mentre molti volatili migreranno a sud come le rondini e gli usignoli, altri come scriccioli e cince resteranno nel loro habitat per il resto dell’anno.

 

Aiutarli nella ricerca del cibo potrebbe rivelarsi anche un modo valido per conoscere gli abitanti alati del giardino e scoprirne i loro comportamenti accostandosi con rispetto alla natura senza arrecare alcun disturbo.

Per agevolare la ricerca di cibo dei nostri piccoli ospiti si può decidere di allestire delle piccole mangiatoie, nei giardini o sui terrazzi da rifornire con il cibo loro adatto. In commercio se ne reperiscono di diversi tipi: a casetta, tubolari, trasparenti, in plastica o in legno. Un aspetto importante della mangiatoia è la forma: saranno le sue caratteristiche a limitare l’ingresso solo ad alcune specie impedendolo ad altre (ovvero alle specie autosufficienti). Una mangiatoia a casetta permetterà l’accesso solo a piccoli passeriformi, mentre quelle “a rete” saranno frequentate da alcuni degli uccellini più colorati e agili, come la cinciallegra e la cinciarella.

 

Il cibo più adatto per questi animaletti  è composto dai prodotti che essi stessi reperiscono in natura: frutta molto matura, bacche e semi di vario tipo. È consigliabile disporre nella vaschetta del cibo una miscela di semi misti, appetibili a tutte le piccole specie di volatili. Per comprendere le preferenze alimentari di ogni specie, occorre osservarne il becco: gli uccelli dai becchi tozzi sono dei granivori, quelli dai becchi sottili ed appuntiti degli insettivori, mentre quelli che hanno un becco più robusto sono degli onnivori. I fringuelli, i verdoni ed i cardellini prediligono i semi di mais, canapa e mais tritato, mentre i pettirossi, le cince, il picchio muratore, i merli, gli storni e le capinere preferiscono le briciole, i dolci e la frutta fresca, oltre alle croste di formaggio, al grasso e alla carne.

 

Le casette per gli uccellini e le mangiatoie hanno anche uno scopo educativo e didattico, soprattutto nei confronti dei bambini. Questi punti di ristoro per volatili riservano, infatti, molte sorprese: si possono avvistare ed ammirare specie solitamente molto schive, che vivono nei boschi o ai livelli più alti delle chiome degli alberi.