Il degu è un piccolo roditore diurno appartenente alla famiglia degli Ottodonti e originario dell’America latina. Ha un aspetto simile al gerbillo e possiede larghe orecchie. Da qualche anno è possibile anche trovarlo in Italia presso allevatori specializzati.
Ecco una breve scheda descrittiva di questo simpatico roditore da compagnia.

Degu Pet
Degu

 

Habitat

L’habitat naturale del degu è costituito dalle zone boscose e ripide tipiche del versante cileno delle Ande.

Questo roditore ama le fasce di terra subtropicali del nord caratterizzate da un clima caldo e umido e quelle temperate del centro; nelle aree più fredde e ventose gli è, invece, difficile sopravvivere.

Il degu è solito scavare vicino i boschi ampie tane sotterranee dotate di moltissime gallerie che riveste con rami, fieno e foglie secche per far sì che durante la stagione fredda il calore non si disperda.

All’interno dei suoi rifugi sono presenti diverse entrate ed uscite, necessarie alla sua salvezza: vengono infatti utilizzate per eludere i predatori.

La tana dell’animale è inoltre provvista di molte stanze, ognuna delle quali è impiegata in maniera specifica: alcune camere vengono utilizzate per conservare il cibo, altre sono destinate alle femmine per il momento del parto, altre ancora per l’allevamento dei cuccioli.

Il piccolo mammifero, oltre a essere un ottimo arrampicatore (tende a salire sugli alberi per nutrirsi o cercare gli alimenti da accumulare nel suo nido), è anche dotato di spirito sociale, tanto che riesce a formare colonie di 10-100 esemplari, e non si fa problemi a dividere i suoi spazi con un altro tipo di roditore: il topo cincillà.

 

 

Aspetto

I degu hanno un corpo lungo tra i 12 e i 19 cm e una coda di ben 12 cm, simile a un pennello.

Alla nascita pesano 12-14 grammi, ma con la crescita le femmine raggiungono i 170-200 grammi e i maschi 300-350 grammi.

Il loro manto, color marrone scuro sulla parte del dorso e color crema-argentato sull’addome, è perfetto per mimetizzarsi e confondere i predatori.

Le dita, provviste di unghie e ricoperte di peli ispidi, sono quattro negli arti inferiori e cinque in quelli posteriori.

Gli occhi sono scuri e l’udito, grazie ai padiglioni auricolari larghi, è fine.

Persino l’olfatto è ben sviluppato e, attraverso questo senso, l’animale riconosce gli appartenenti alla sua colonia.

Il degu possiede 20 denti, tutti a crescita continua (ovvero crescono per tutta la vita): la loro lunghezza viene regolata con il consumo che comporta la masticazione del cibo.

Per quanto riguarda le femmine, possiedono quattro paia di mammelle: un paio posto tra l’inguine e l’ombelico e tre paia posizionate nella zona toracica.

Il primo paio è quello che viene utilizzato durante l’allattamento.

Carattere
Il degu è un perfetto “roditore da compagnia”, vivace, curioso e divertente.

L’animale non è difficile da allevare, ma dal momento che tende a vivere in gruppo, è opportuno non allevarlo da solo, per non rischiare che soffra di solitudine.

 

 

Allevamento

Questi roditori hanno bisogno di spazi ampi in cui vivere, ed è quindi necessaria una gabbia grande e alta, in modo che all’animale sia permesso arrampicarsi.

E’ sconsigliabile utilizzare materiali quali legno o plexiglass, poiché la gabbia deve resistere all’azione esercitata dai denti del roditore.

Il fondo della gabbia dev’essere solido e costituito da materiale morbido ma non dannoso come fieno, trucioli o carta riciclata.

E’ importante anche ricordare le abitudini di questo roditore domestico: il degu ama fare molti bagni di sabbia che gli sono utili per conservare il suo manto in buone condizioni: a questo scopo si consiglia, quindi, l’utilizzo dell’apposita rena in vendita per i bagni di sabbia dei cincillà.

Un’altra cosa fondamentale da considerare è la temperatura: la gabbia del degu deve trovarsi sempre in stanze dove la temperatura non è troppo elevata, compresa tra i 18 e i 22 gradi.

 

 

 

Alimentazione

Il degu è erbivoro, perciò in natura si nutre di erbe e piante, corteccia, gemme e germogli e, a volte, anche di semi e frutta.

In cattività gli alimenti migliori che gli possono essere forniti sono l’erba fresca e altre piante di campo (trifoglio, piantaggine,ecc.) che si possono trovare e raccogliere da prati e giardini, a condizione che non siano inquinati da sostanze tossiche.

Se l’erba fresca è difficile da reperire, si può sempre sostituirla con il fieno di prato polifita, facile da procurarsi nei negozi per animali.

Inoltre è possibile nutrire il degu con ogni genere di verdura fresca e a temperatura ambiente, prestando più attenzione durante i mesi caldi, durante i quali i vegetali tendono a danneggiarsi più rapidamente.

Per l’acqua, invece, è consigliabile l’utilizzo di un beverino a goccia, che evita agli animali di rovesciare o sporcare l’acqua.

 

 

 

Alessandra Bottaini