Home » Roditori » Gerbilli: le malattie più frequenti

Gerbilli: le malattie più frequenti

Gerbilli: le malattie più frequenti

Il gerbillo è un piccolo roditore  della famiglia dei Muridi che vive in natura nelle zone desertiche e semi-desertiche di Asia ed Africa. Solitamente esso gode di una salute ferrea, ma può comunque essere soggetto ad alcune malattie.

Per evitare che il gerbillo possa incappare in spiacevoli problemi di salute è necessario rendere salubri le zone dell’ambiente domestico dove l’animaletto trascorre la maggior parte del suo tempo. Acqua, aria, sole e cibo non devono mai mancare.

 

L’aumento della durata del sonno e dell’aggressività del piccolo pet, la perdita di peso e dell’appetito, il pelo particolarmente sporco ed il respiro affannoso possono essere tutte avvisaglie di malesseri, anche gravi. È indispensabile, in presenza di questi segnali, fare visitare l’animale dal un veterinario.

Prestare particolari attenzioni alle cadute da una certa altezza e ai colpi di calore: in alcuni casi  possono diventare fatali perché procurano all’animale veri e propri stati di shock.

 

Le malattie più frequenti nel gerbillo sono causate da batteri patogeni (salmonellosi, malattia di Tyzzer, leptospirosi) e da miceti o parassiti (pulci, microsporosi, cestodi, nematodi, ectoparassiti).

Le patologie possono interessare varie parti del corpo dell’animaletto:

- cute (dermatiti, ulcerazioni del muso, coda danneggiata o mancante, ciste, tumore),

- sistema nervoso e sensoriale (congiuntivite, otite media, crisi epilettiche),

- apparato digerente (anomalie dentarie e difetti occlusali, coda bagnata, lipodistrofia intestinale, obesità, diarrea),

- apparato respiratorio (raffreddori, broncopolmoniti, allergie),

- apparato cardiocircolatorio (iperlipemia) e apparato urogenitale (patologia delle vie urinarie, piometra, pseudogravidanza).

Nella maggior parte dei casi i sintomi delle affezioni tendono a scomparire semplicemente in seguito all’assunzione di farmaci specifici prescritti dal veterinario e il pet ritrova in tal modo il benessere naturale.

 



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>