Home » Roditori » Criceti » Le razze di criceti più docili

Le razze di criceti più docili

Le razze di criceti più docili

I criceti sono dei simpatici roditori che molti adottano come pet perché la loro presenza regala allegria e vivacità. È molto importante però sapere quale razza scegliere per assicurarsi la compagnia di un animale docile e remissivo in casa. Di seguito si indicano le razze più mansuete.

 

1 – La razza di criceto considerata come la più docile al mondo è la Winter White, importata dalla Siberia. La sua particolarità è di essere avvolta da un manto che si schiarisce nei mesi invernali. Il Winter White è facilmente gestibile perché accetta di buon grado di essere toccato dall’uomo. Nonostante i tratti comuni della razza alcune influenze esterne potrebbero modificare radicalmente il comportamento di un esemplare. Per questo motivo non è da sottovalutare l’ambiente in cui il pet è accolto: se, ad esempio, vive costantemente isolato in una gabbietta senza regolari contatti con l’uomo è evidente possa sviluppare un temperamento violento e territoriale, sebbene sia mansueto di natura.

 

2 – Un’altra razza nota per la sua dolcezza è quella del Criceto Dorato: in particolar modo il genere maschile è rinomato per essere un gran coccolone. Le femmine sono invece molto meno affabili (tolte le eccezioni che che confermano la regola).

 

Se si ricerca un pet dolce, si sconsiglia la scelta del criceto Roborowskij o del Campbell a tutti coloro che non hanno familiarità con questi animaletti: i primi sono timidi e sfuggenti anche se difficilmente aggressivi, mentre i secondi tendono a mordere spesso e volentieri.

Ricordarsi sempre che anche l’animale più docile, se disturbato, può manifestare insofferenza e aggressività: non condannare im questo caso il comportamento del pet ma la negligenza del padrone!

 

 



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>