L’igiene dentale è importante tanto negli umani quanto negli animali. I criceti sono dotati di denti in perenne crescita. E’ bene che il padrone offra al piccolo roditore tutti gli accorgimenti per mantenere i denti sani e non troppo lunghi.

I criceti appartengono alla specie dei roditori. Questa specie animale deve il proprio nome al verbo latino “rodere”, ovvero rosicchiare. Infatti ogni roditore che si rispetti passa gran parte della propria vita a rosicchiare. Data la prerogativa della razza, l’aspetto più caratteristico di questi animali è dato proprio dai denti. I criceti hanno una dentatura composta da 16 denti di cui due incisivi superiori e due inferiori, i rimanenti sono molari. I denti incisivi continuano a crescere per tutta la vita dell’animale. Mentre in natura il roditore riuscirebbe da solo a limarsi i denti, in cattività deve essere il padrone a controllare se i denti crescono troppo. In caso di denti troppo lunghi, infatti, verrebbe compromessa la chiusura del morso, causando difficoltà a mangiare. Per ovviare al problema si può dotare la gabbia con pezzetti di legno, è bene prestare attenzione che non siano di tipo resinoso e non siano stati trattati con sostanze chimiche. Una buona soluzione potrebbe essere reperire rami da alberi da frutto e tagliarli della misura opportuna. Anche l’impiego di biscotti duri, tipo quelli per cani, o la fornitura di frutta secca a guscio duro possono servire allo scopo. Prestare invece attenzione a non inserire nella gabbia oggetti potenzialmente pericolosi quali plastica o giochi verniciati con vernici tossiche. Anche le gabbie stesse andrebbero valutate prima dell’acquisto, evitando quelle con sbarre verniciate. Molti criceti rosicchiano anche le sbarre delle loro gabbie, in questo modo potrebbero ingerire accidentalmente pezzi di vernice. Nel caso in cui il criceto presentasse già degli incisivi troppo sviluppati è bene portarlo dal veterinario. Quest’ultimo sarà in grado di consigliarvi come procedere per mantenere i denti sani e della giusta lunghezza.