I criceti hanno tempi di gestazione molto rapidi: impiegano, in media, poco più di un mese per dare alla luce i loro piccoli. Riconoscere un criceto incinta è abbastanza semplice: basta osservare il comportamento e l’aspetto della femmina, e così facendo potrai aiutarla a prepararsi al meglio.
Per scoprire come fare basta seguire queste poche semplici indicazioni:

  • E’ possibile notare un maggior attivismo soprattutto in termini di sistemazione del proprio nido: il criceto comincerà ad aggiungere altra segatura di cedro e ad accumulare scorte di cibo, nascondendolo proprio sotto al nido; fai in modo, quindi, di fornirgli del materiale e del cibo extra rispetto al solito.
  • Il criceto sarà soggetto ad un aumento di peso piuttosto repentino causato da un maggior appetito sin dai primi giorni dopo il concepimento; dal momento che, però, il “pancione” comparirà solo 4-5 giorni prima del parto, è importante che tu ne tenga sotto controllo il peso.
  • Di solito, un criceto incinta tende a bere più acqua del normale, quindi controlla i suoi consumi di acqua e fai in modo che ne abbia sempre di disponibile (attenzione però: da solo, l’eccesso di sete potrebbe indicare anche semplici problemi gastrointestinali).
  • Cerca di controllare i suoi comportamenti con gli altri criceti: di solito, è possibile notare frequenti “lotte” con i coinquilini e numerosi tentativi di proteggere il proprio nido; inoltre, potrebbe accadere che il criceto mostri segni di insofferenza quando tenti di prenderlo in mano, magari arrivando anche a morderti diverse volte; evita il più possibile, quindi, di disturbarlo se non strettamente necessario e considera che l’atteggiamento del criceto tornerà normale solo dopo tre settimane circa dalla nascita dei piccoli.
  • Circa una settimana prima del parto comincerai a veder sporgere i capezzoli dall’addome, a meno che il criceto non sia a  pelo lungo (ad esempio un criceto nano).
    Se da questi aspetti ti sei reso conto che il tuo criceto è incinta, è fondamentale garantirgli l’isolamento dagli altri criceti, soprattutto se maschi, finché i piccoli non saranno abbastanza grandi (circa tre settimane): durante la gravidanza, infatti, il criceto tende ad attaccare i maschi che condividono la sua gabbia e questi ultimi potrebbero provare ad attaccare e uccidere i neoarrivati. E’ inoltre importante considerare da subito se tenere o dare via i piccoli (solo però quando avranno dalle 4 alle 8 settimane e non prima, per permettere lo svezzamento) dopo sole 8-10 settimane, infatti, possono cominciare già ad accoppiarsi.