Se siete i fortunati proprietari di un criceto anziano significa che avete sempre dedicato le attenzioni e le cure necessarie al vostro piccolo amico. Ora, comunque, è arrivato il momento di tener conto che occorre riservargli un trattamento davvero speciale, degno della sua “veneranda” età!

 

I criceti invecchiano rapidamente e, quindi, gli esemplari che hanno passato i due anni di età sono già considerati degli “amabili vecchietti”. Diventa fondamentale una visita dal veterinario per escludere la presenza di eventuali masse nascoste o per curare possibili tumori, patologie che purtroppo colpiscono questi piccoli amici con grande frequenza.

Un occhio di riguardo anche all’alimentazione, che deve essere potenziata con preziosi nutrienti quali gli omega 3 e la vitamina E.

Evitare sempre dolci, miele e zuccheri di ogni genere.

 

Proprio come noi umani, anche i criceti, per poter invecchiare bene e aumentare la longevità hanno bisogno di svolgere attività fisica. Non di rado i criceti anziani appaiono pigri e molto svogliati, così stimolarli nel moto diventa un’impresa non semplicissima. Naturalmente non si può certo obbligarli a correre sulla ruota ma, qualche giochino potrà ancora stuzzicare la curiosità dell’animaletto. Un esempio? Avvolgere nei rotoli vuoti di carta igienica alcuni piccoli premi golosi, come una mandorla o una noce intera e confezionare con il tutto un pacchetto “tipo-caramella”. Il criceto si impegnerà a rompere l’involucro e, lentamente, ridurrà in piccoli pezzi commestibili anche il suo contenuto per ottenere la golosa gratifica, praticando così il suo “allenamento”!