Come tutti sanno, i gatti sono animali che amano molto mangiare cibi a base di pesce. Chi ha avuto o ha dei gatti come animali domestici avrà probabilmente notato che molti di loro vanno matti per il paté (che può essere di pesce, ma anche di coniglio, pollo o altre varianti).

Per alcuni gatti la passione per il patè è tale che finiscono per desiderare di mangiare solo quello. Vediamo quindi di seguito come procedere per soddisfare le loro richieste, occupandoci in modo particolare del patè di pesce. Se non avete momentaneamente la possibilità di procurarvelo, perché magari siete nella casa al mare e non avete un negozio vicino per acquistarlo, potete provvedere con le vostre sole forze, cucinando per il vostro affezionato amico a quattro zampe un gustoso patè in poco tempo e senza fatica. Per fare questo, vi dovete procurare i seguenti ingredienti:

  • un filetto di nasello, che può essere anche surgelato;
  • una tazza riempita di pan grattato per metà;
  • una tazza riempita d’acqua per metà.

 

Il pesce va fatto scongelare e poi sminuzzato. Sistematelo in un pentolino dove verserete l’acqua e il pan grattato e cuocete il tutto a fuoco lento. Dopo alcuni minuti di cottura noterete che il preparato si sarà fatto denso. A questo punto potete interrompere la cottura e versare il patè in un piattino, dove lo lascerete raffreddare a dovere, prima di darlo in pasto al vostro micio. Volendo, potete ripetere l’operazione usando carne di pollo, ma in questo caso dovrete prestare maggiore attenzione nello sminuzzare la carne, che è più dura e consistente rispetto al pesce, per essere sicuri che non vada di traverso all’animale.

I gatti domestici, soprattutto col trascorrere degli anni, tendono a impigrirsi ed a perdere la proverbiale destrezza della gioventù, quindi le vostre cure ed attenzioni, sia per quanto riguarda l’alimentazione sia la pulizia costante delle loro cucce, diventano progressivamente importanti anche per la prevenzione rispetto alla formazione di eventuali parassiti interni o esterni, come tenie o pulci. E’ inoltre buona regola far visitare l’animale da un veterinario di fiducia una volta nel corso dell’anno. Una buona regola purtroppo poco rispettata.