Chi ha in casa uno – o più – gatti sa che i nostri amici pelosi hanno il palato fino, ma anche che spesso occorre porre molta attenzione alla loro alimentazione, per evitare allergie o intossicazioni.
Cosa c’è di meglio quindi di preparare dei deliziosi pranzetti, leggeri e gustosi, come il riso con prosciutto e ricotta?

La ricetta è semplice e veloce.
Metti a bollire l’acqua per il riso, senza salarla, per evitare di appesantire i reni. I gatti infatti sono animali carnivori, pur mangiando anche alcuni tipi di verdure, ma in natura di certo non avrebbero modo di… trovare una saliera con cui condire una fettina di manzo!

Quando l’acqua bolle, butta una manciata di riso bianco, facendolo cuocere leggermente oltre la cottura “umana”. Ma attenzione, non scotto: la classica “pappetta”, infatti, potrebbe creare problemi al vostro gatto, soprattutto se sensibile.
Nel frattempo taglia a striscioline un paio di fette di prosciutto cotto, meglio se senza polifosfati e adagialo nel piattino.
Stessa cosa con la ricotta, per una porzione gattesca basta una cucchiaiata. Anche qui, per evitare di appesantire la digestione del nostro pelosetto, meglio utilizzare ricotta poco salata, da evitare quindi la ricotta di pecora o la ricotta secca (stagionata).

A cottura ultimata, sciacquare il riso sotto l’acqua corrente per eliminare l’eccesso di amido. Anche qui occorre fare attenzione proprio perchè il gatto, a differenza del cane, ha a livello dell’apparato digestivo limitazioni per quanto riguarda l’amido.

Quando il riso è ben tiepido, aggiungere un leggerissimo filo di olio, amalgamare assieme la ricotta e una buona parte del prosciutto cotto, cospargendo il restante sopra al riso. Anche l’occhio felino vuole la sua parte!

In linea di massima, quindi, un consiglio per chi alimenta in maniera casalinga il proprio animale: cercate di variare la dieta offrendo sopratutto carne – senza dimenticare le verdure come zucchine o carote – ma avendo sempre cura di cucinarla prima, per evitare parassiti intestinali, ed associandola a riso e pasta non salati.