Se decidete di comprare una tartaruga di terra è molto importante sapere per tempo in quale spazio alloggiarla.
Il terrario è il luogo più indicato e se non avete molti soldi da spendere la seguente guida riporta un metodo low cost, fai-da-te e semplice molto efficace.
Cosa serve

• Un contenitore di vetro o altro recipiente trasparente (sul mercato ne troviamo dai 25/30 euro in su in qualsiasi negozio di animali)
• Piccole pietre per il drenaggio (ghiaia, ciottoli, cocci o pietre di fiume funzionano bene)
• Carbone (reperibile in un negozio che vende articoli per acquari)
• Sabbia (5 Kg costano circa 8 euro e )
• Terra (sul mercato ne esistono diversi tipi; la scelta sta a voi)

Prima di iniziare

• Nello scegliere se avere un terrario aperto o chiuso, tenere presente che tutte le piante che andremo a piantare devono avere le stesse esigenze ambientali. Infatti se si vuole far crescere le piante amanti del sole, un contenitore aperto funziona bene. Le piante che prosperano a
livelli elevati di umidità devono essere poste in un contenitore chiuso. Per cui attenzione al tipo di piante scelte e che siano tra loro compatibili.

Istruzioni

• Pulire accuratamente il contenitore per evitare che i batteri prolifichino.
• Aggiungere un sottile strato di carbone sul fondo del contenitore e schiacciarlo bene verso il basso per aiutare a mantenere il terreno fresco quando questo sarà ricoperto di terra.
• Posizionare diversi tipi di sabbia sulla sommità del carbone al fine di ottenere un effetto stratificato.
• Aggiungere della terra, avendo cura di creare un foro abbastanza grande per le radici di ogni pianta che si vorrà piantare.
• Collocare le piante scelte nel terreno: le più grandi al centro e le più piccole in periferia. Nell’allestire il vostro
terrario lasciate dello spazio libero per aggiungere altri oggetti di abbellimento come fiori secchi, groundcover, muschio,
geodi e/o oggetti di piccole dimensioni.