Avete un’iguana in casa e non sapete quale sia la sua dieta corretta? Ecco i consigli per un’alimentazione sana ed equilibrata per garantire il benessere di questo animale dallo sguardo misterioso.

 

Le iguane appartengono alla famiglia degli Iguanidi e sono considerati degli animali erbivori: si nutrono principalmente di verdure, frutta, ortaggi e fiori. Non ingeriscono carne in natura, ma gli esemplari in cattività, per errore o per appetito, possono talvolta inghiottire piccoli insetti.

La loro dieta, per poter essere considerata equilibrata, dovrebbe essere costituita da 80 % di ortaggi e verdura, come insalata, lattuga romana, radicchio, indivia e verza, poiché questo animale predilige un po’ tutte le verdure a foglia larga, includendo anche la bieta e la cicoria; il restante 20% dovrebbe essere costituito da frutta, come frutti di bosco e qualche banana con la buccia.

Le iguane amano anche nutrirsi di fiori come le rose, i garofani, l’ibiscus e quelli che possono recuperare nel giardino di casa; sono inoltre ghiotte di tutti i legumi.

I pasti devono essere somministrati all’iguana preferibilmente la sera, oppure al mattino presto, e serviti solo se sminuzzati, soprattutto se l’animale è in giovane età.
Massima attenzione ai fiori tossici come i tulipani, giacinti, stelle di Natale, Ficus e piante d’Oleandro. Altri cibi da evitare di aggiungere al menù dell’iguana sono le erbe aromatiche come salvia, rosmarino e tabacco in foglie. Altri ortaggi più indigesti, come broccoli, cime di rapa e cavoli, sono graditi all’iguana ma devono essere somministrati solo raramente per motivi legati a problemi intestinali. Anche i pomodori, dato il loro grado di acidità, vanno offerti all’animale con cautela, mentre sono proprio da evitare le foglie della pianta perché pericolose.

 

L’iguana deve vivere in un ambiente che riproponga, per quanto possibile, il suo habitat naturale, soprattutto con una illuminazione adeguata che ne faciliti lo sviluppo. La vitamina D, essenziale per le sue ossa, è assorbita solo in presenza di luce e la sua mancanza rende l’animale cagionevole a diverse patologie. L’alimentazione può essere integrata con calcio e magnesio, ma bisogna informarsi bene prima di somministrarli.

 

Non far mancare mai l’acqua fresca e abbondante all’animale perché, oltre a dissetarsi, l’iguana la usa per rinfrescarsi nei momenti più caldi della giornata.