L’acquariofilia è un hobby al quale numerosi appassionati si avvicinano sempre con maggior frequenza, anche se la cura di un acquario richiede tanto tempo e anche una certa conoscenza, per non incappare in grosse delusioni.
Dopo la scelta della forma della vasca, del tipo di supporto e della tipologia di pesce da tenere all’interno, è necessario analizzare con attenzione il posizionamento dell’acquario; sembrerebbe un particolare di scarsa importanza, invece è un fattore importantissimo, non tanto per quanto riguarda l’estetica ma per la salute dei pesci.

Indispensabile è avere una presa elettrica abbastanza vicina alla vasca, per il funzionamento delle luci e degli eventuali ossigenatori e regolatori di temperatura.
Un indicazione da tenere in considerazione è quella di non posizionare la vasca in punti esposti all’irradiamento solare diretto in quanto il calore dei raggi solari, potrebbe favorire la nascita e la crescita delle alghe (costringendoci a più frequenti operazioni di pulizia), ma soprattutto, l’aumentare della temperatura dell’acqua comprometterebbe la vita dei pesci, soprattutto se si ospitano specie d’acqua fredda come pesci rossi, barbi, pesci fagiano etc.
Per la stessa ragione, anche se tanti acquari sono dotati di dispositivo di stabilizzazione della temperatura, è da evitare la vicinanza con termosifoni, stufe, caminetti o fonti di calore in generale.
Il posizionamento ideale è in penombra, dove i raggi solari non arrivano direttamente, quindi ad esempio, un angolo affianco ad una finestra, o una mensola posta ad un lato di una vetrata, in modo che riceva comunque l’illuminazione ma non il calore.
Da evitare anche le parti della casa esposte a correnti d’ aria, che possono, seppur in maniera minima, influire sulla vita e sull’omore dei pesci.
E’ importante, per non stressare i pesci, evitare punti molti trafficati, come ad esempio i corridoi; sono ideali i soggiorni poco frequentati e gli angoli un po’ nascosti della casa in modo da evitare il picchiettare sui vetri da parte di amici e conoscenti, che con la convinzione di attirare i pesci, altro non fanno che spaventarli, poiché il rumore nell’acqua si propaga in maniera molto superiore rispetto all’aria.
Sfruttando gli spazi disponibili della propria abitazione è buona norma e regola posizionare la vasca in luogo in cui i bambini, per ragioni di sicurezza, non riescano ad arrivare.
A questo punto non resta che recarsi in negozio specializzato e acquistare tutto l’occorrente.