Avere un pezzo di barriera corallina in salotto o Nemo che ci strizza la pinna oggi giorno può essere alla portata di tutti. Dalle tradizionali bocce stile luna park ai sofisticati acquari professionali, gli appassionati di pesci possono sbizzarrirsi nella scelta. Cosa essenziale è pero porsi alcune domande prima di cimentarsi nel nuovo hobby. Aspetto fondamentale è scegliere il tipo di vasca. Quelle troppo piccole, oltre a poter ospitare pochi animali, possono essere difficilmente gestibili, soprattutto dai neofiti, a causa dei parametri dell’acqua che possono alterarsi facilmente. Per contro vasche troppo grandi possono richiedere un impegno elevato, sia in termini di tempo che di denaro.

La scelta migliore potrebbe essere quella di scegliere un acquario di medie dimensioni, sui 50-60 litri, in modo da poter imparare gradualmente e di aver fin da subito le prime soddisfazioni senza spendere una fortuna. Altro aspetto da non sottovalutare è la tipologia di acquario: dolce o salato? In questa scelta bisogna considerare diversi fattori. Al di là del gusto personale è bene sapere che gli acquari marini, oltre ad avere costi di gestione più elevati, sono si più scenografici ma anche più difficili da gestire. Gli acquari d’acqua dolce a loro volta si suddividono in tropicali e d’acqua fredda. La differenza sostanziale in questo caso sta nella dotazione di un riscaldatore nel caso delle vasche tropicali, oltre ad una differente tipologia di pesci e piante che possono essere introdotti nell’acquario. Al di là della tipologia scelta sarebbe comunque opportuno dotare l’acquario di un adeguato sistema di illuminazione e di filtraggio.

Una volta stabilita la dimensione e la tipologia di acquario prima di passare all’allestimento vero e proprio della vasca è utile soffermarsi sulla tipologia di habitat che si vuole ricreare. Acquari con coralli o con piante richiedono allestimenti e accortezze differenti rispetto a vasche con soli pesci. Infine è bene informarsi sulle specie adatte a convivere al fine di garantire una perfetta sintonia tra gli “abitanti” della vasca.