La conoscenza delle principali patologie dei pesci che vivono in acquario riveste un aspetto molto importante  in quanto permette di riconoscere, curare e prevenire malattie che potrebbero creare conseguenze pericolose per tutti gli abitanti dell’acquario stesso. E’ risaputo che un’alterazione dell’equilibrio fisiologico nell’habitat dei pesci può generare eventi letali.

Intossicazioni: (chimiche o da metalli): patologie causate da inquinanti di varia natura: nitriti e nitrati, insetticidi, residui di detersivi, sostanze che provocano variazioni di pH, veleni di vario tipo.
La sintomatologia comprende: alterazione del colore della livrea, respirazione alterata, movimenti incontrollati, occhi sporgenti, gonfiore addominale, e, nei casi estremi, decesso.

Infezioni intestinali: causate dall’ingestione di alimenti avariati o in dosaggi anomali. Si osserva un notevole gonfiore addominale, inappetenza, debolezza, e morte.

Parassitosi: patologie i cui agenti infettanti possono essere di varia natura, ma che in generale presentano la medesima sintomatologia: pinne chiuse e poco mobili, patina opaca sul corpo, occhi sporgenti, difficoltà respiratorie, movimenti incontrollati del corpo, ferite diffuse circondate da un alone mucoso.

Tubercolosi: causata da un batterio (Mycobacterium piscium) presenta sintomi caratteristici: inappetenza, pinne sfrangiate e scarsamente mobili, corpo deformato, ferite cutanee diffuse. Generalmente l’agente patogeno infetta esemplari debilitati per ipovitaminosi o inadeguato regime alimentare.

Idropisia: causata da inquinamento dell’acqua, si manifesta con: gonfiore addominale, sollevamento progressivo delle squame, esoftalmia (occhi sporgenti e gonfi), debolezza e inappetenza.

Oodiniasi (malattia del velluto): causata da un agente patogeno (Oodinium pillularis), provoca la comparsa di puntini bianchi sul corpo dell’animale che si diffondono fino a ricoprirlo completamente. Spesso la causa scatenante è uno shock termico.

Malattia Colonnare: prodotta da un batterio (Flexibacter columnaris), determina un deterioramento generale del pesce con necrosi dei tessuti della bocca, della coda e delle pinne, difficoltà respiratoria e nutritiva.

Infezioni da vermi cutanei: causate dal Gyrodactylus, agente infettante molto diffuso e pericoloso, si manifesta provocando un progressivo sfrangiamento delle pinne, incurvamento del corpo ”ad uncino”, movimenti anomali ed incontrollati.

Infezioni da vermi delle branchie: causate dal Dactylogyrus, si evidenziano con deterioramento del tessuto branchiale, difficoltà respiratorie, movimenti a scatti del corpo ed apertura costante della bocca.

Malattia dei puntini bianchi: causata dal Ichtyophatirius, agente patogeno che genera inappetenza, debolezza, movimenti oscillatori del corpo, comparsa di piccoli noduli bianchi a rapida diffusione.

Malattia del buco: causata da Spironucleus, agente infettante che provoca: scurimento dell’epidermide, dimagramento improvviso, feci bianche, comparsa di un buco nella regione cefalica.

Micosi (esterne o interne): causate da miceti, si manifestano con la comparsa di filamenti biancastri (ife) su bocca e pinne.