Non capita spesso di avere l’opportunità di vedere esposti i gatti più belli del mondo in una manifestazione che ha come scopo quello di celebrare proprio l’eleganza e la dolcezza di questi piccoli animali a quattro zampe.

 

E’ proprio quello che è successo a Prato questo 25 gennaio in occasione della manifestazione intitolata “Un gatto per amico”. L’Estraforum è stato trasformato in un museo vivente, in cui più di seicento felini provenienti da tutto il mondo sono stati i veri protagonisti di due giornate indimenticabili. Sono infatti accorsi più di 1800 visitatori tra cui appassionati di gatti e semplici curiosi; essendo una manifestazione espositiva, non era possibile acquistare nessun animale, ma non sono venute meno le testimonianze fotografiche e video, riprese da centinaia di smartphone, in modo da potersi portare a casa il tenero ricordo di una giornata all’insegna della dolcezza e delle fusa.

Esemplari di tutti i tipi dai nomi più bizzarri sonnecchiavano su sontuosi cuscini e ogni visitatore ha avuto la possibilità di ammirare nel dettaglio tutti i particolari.
Tra i felini che hanno suscitato più interesse c’era lo Sphynx, il gatto nudo canadese, il Bengal, gatto leopardato che rappresentava uno degli esemplari più rari dell’intera mostra e il Burmilla che è il risultato dell’incrocio tra altre due bellissime razze: il Chincilla e il Burmese. Comprare un esemplare di questo tipo è molto costoso: infatti si arriva a spendere dai 1000 ai 2000 euro, ma accontentandosi di un gatto comune l’importo si aggira intorno ai 150 euro.

All’interno dell’Estraforum è stato possibile inoltre acquistare tantissimi giochi e accessori per questi piccoli amici a quattro zampe e magari reperire oggetti che difficilmente si trovano in comuni negozi per animali.

Non è mancata la sfilata finale dedicata all’incoronamento dei gatti più belli di ogni categoria. I padroni hanno potuto sfilare con il proprio micio su una vera passerella ed essere protagonisti di questa bellissima manifestazione.
Un evento unico e indimenticabile che ha permesso di ammirare in un solo giorno, tantissimi esemplari di gatti.

 

Ilaria Giovani