I Bengal (più comunemente noti come Bengala) sono dei gatti di razza molto ricercati. L’animale ha origini molto particolari: si tratta infatti di un incrocio fra il comune felino domestico e il gatto leopardo asiatico. Solitamente il Bengala manifesta un carattere molto giocoso ed ha una forte tendenza ad arrampicarsi per esplorare l’ambiente che lo circonda. Spesso dimostra un istinto predatorio più spiccato rispetto alle altre specie; inoltre se si è alla ricerca di un “cacciatore di topi” allora il bengala è la scelta giusta!

La corporatura di questi bellissimi esemplari maculati è robusta: i maschi possono raggiungere i 9 kg mentre le femmine di solito non superano i 6. Il mantello, lucido e a pelo corto, non richiede molte cure, sebbene nel periodo della muta debba essere spazzolato più spesso per rimuovere i peli morti. L’alimentazione, invece, deve essere molto curata, poiché questa razza felina presenta una conformazione molto delicata dello stomaco: non introdurre nella dieta latte e latticini, mentre pollo o carne cruda sono cibi tollerati. Detergere con attenzione gli occhi del gatto ogni 2 settimane con un panno umido e regolare puntualmente le unghie.

Anche se di origine selvatica i bengala si adattano straordinariamente alla vita domestica e si dimostrano molto affettuosi con gli uomini.

di Marianna Pilato