Sui gatti se ne sentono sempre tante: le credenze e le leggende su questi animali sono numerose e sono state a volte anche motivo di malessere e morte per questi amici dell’uomo.

Gatto nero

 

Credenze e leggende che devono essere sfatate perché, ancora oggi, potrebbero condizionare la vita di tanti piccoli gatti.

 

1. I gatti neri portano sfortuna: una delle più grandi balle della storia dei gatti. È semplicemente un discorso genetico ed ovviamente non esiste nessun legame tra la cattiva sorte e un gatto nero che si avvicina o attraversa la strada. Sembra incredibile, ma ancora molti gatti neri rimangono senza adozioni per colpa di queste leggende medioevali.

2. Le gatte devono dare alla luce i loro mici prima di essere sterilizzate: falso. Anzi, non solo può essere eseguito l’intervento, ma ciò diminuisce sensibilmente il problema del randagsimo.

3. I gatti hanno 7 vite: no i gatti muoiono come tutti gli altri essere viventi. Basta vedere gli incidenti che accadono nelle nostre strade e che spesso coinvolgono questi felini: ovviamente non hanno più vite ma soprattutto non hanno doti fenomenali per sfuggire alla morte. E dunque hanno bisogno delle attenzioni che qualsiasi altro pet richiede per avere una vita assicurata.

4. Il latte fa bene alla salute del gatto: no, è diverso. I gatti amano il latte, non sempre ma molto spesso. Il punto è che non lo digeriscono: intorno circa al quarto mese di vita perdono la capacità di digerirlo e possono diventarne intolleranti, con conseguenti problemi fisici. Moderare le dosi e, ancora meglio, fare una visita da uno specialista.

5. I gatti fanno le fusa perché sono felici: no, non solo. Un padrone deve rimanere sempre vigile quando il suo micio esagera con le fusa: potrebbe infatti manifestare un malessere. Spesso la depressione viene manifestata dal gatto proprio con le fusa.