Moltissime famiglie tengono in casa un gatto, grazioso animaletto da compagnia, affettuoso e giocherellone, oltre che facile da curare perché piuttosto indipendente. Il gatto infatti richiede soltanto un piccolo ambiente in cui vivere e si adatta tranquillamente anche ad una vita al chiuso, ma il suo “angolino” deve essere sempre pulito.

Se avete deciso di prendere un gatto, alcuni giorni prima del suo arrivo in casa dovete cominciare a preparare tutto l’occorrente per le sue necessità. Nei negozi specializzati si trovano numerosi accessori, che possono essere più o meno utili, ma quello che bisogna assolutamente acquistare è una cassetta igienica dove il gatto farà i suoi bisognini e gli permetterà di mantenersi pulito.
Esistono in commercio delle comode lettiere dove va tenuta una quantità di sabbia di almeno due dita, in modo che il gatto non di sporchi le zampe. Le sabbiette per la lettiera possono essere di diversi tipi, prezzi e qualità.

Potete acquistare la sabbietta comune, in vendita anche nei supermercati e piuttosto economica, che presenta però l’inconveniente di dover essere completamente sostituita ogni giorno, infatti di solito la confezione contiene anche appositi sacchetti di plastica da gettare.

Ci sono poi le sabbiette agglomerabili, che si trovano nei negozi specializzati e costano di più, ma sono probabilmente le più convenienti poiché ne basta una quantità minore, infatti la parte bagnata dall’urina si ammassa a forma di palla e si può asportare facilmente con una paletta, per poi rimboccare la lettiera con altra sabbia.

Esistono anche delle sabbiette naturali, ovvero prodotte con una sostanza vegetale che può essere gettata nel water, però sono piuttosto costose e inoltre vanno completamente cambiate ogni giorno.

Molti preferiscono invece acquistare la sabbietta profumata, contenente delle particolari sostanze che coprono l’odore, soprattutto quello dell’urina che è molto intenso, ma non sempre il gatto gradisce una profumazione troppo forte, pertanto si corre il rischio che la rifiuta e finisce per fare i suoi bisognini sulle piante di casa.

Assolutamente sconsigliate sono le lettiere “fai da te”, riempite con sabbia normale o segatura, che si attaccano ai peli del gatto e sprigionano un pessimo odore.