Alcune allergie possono colpire il proprio amico gatto, specialmente in questa stagione. Ecco perché bisogna capire come affrontarle.

L’allergia è una reazione a carico del sistema immunitario che insorge in seguito al contatto con una sostanza inalata, un alimento o con qualsiasi cosa presente nell’ambiente come pollini, polveri, piume, lana, e punture di insetti. Queste sostanze, definite allergeni, sono le responsabili di una reazione caratterizzata da prurito, tosse, gonfiore delle palpebre, lacrimazione o vomito e diarrea.
La reazione dell’organismo che scatena la risposta nei confronti di un determinato allergene si chiama “reazione di ipersensibilità” o “reazione allergica”.

allergie nel gatto

Vi sono due tipi di reazioni di ipersensibilità: la tipologia immediata e la reazione ritardata. Nel primo caso si ha l’insorgenza subito dopo l’esposizione all’agente eziologico, con conseguente prurito ed orticaria, mentre nel caso di una reazione ritardata il prurito ed i fastidi cutanei insorgono dopo ore o giorni.

Le reazioni allergiche si manifestano sia nell’uomo che negli animali, ma come si presentano nei gatti e come riconoscerne la causa?
Abbiamo intervistato la dottoressa Manuela Alecchi, medico veterinario, per comprendere la manifestazione, i sintomi e le cause delle allergie negli animali domestici, in particolare nei gatti.

 

manuela alecchi medico veterinario allergie gatti
Dott.ssa Manuela Alecchi

 

Quali sono i tipici sintomi di una reazione allergica nel gatto?

Le reazioni allergiche possono dare dermatiti cutanee, asma felina ed intolleranze gastro-enteriche.

 

Come distinguiamo un’allergia di tipo alimentare da una con una causa diversa?

Durante la visita si raccoglie una anamnesi e in quella sede il dermatologo cerca di capire quale può essere la fonte allergizzante.

 

Come risalire all’allergene responsabile dell’insorgenza di una reazione allergica?

La dieta privativa, nella quale si somministra per almeno 6/8 settimane un tipo di proteina particolare; è ancora la più utilizzata per capire se un animale è allergico/intollerante a tale alimento.

 

Quale dieta dovrebbe seguire un gatto allergico ad una sostanza presente nel cibo per gatti?

La dieta ovviamente dipende dall’allergene ipotizzato, evitandolo in tutti i modi. Esistono anche diete commerciali con proteine idrolizzate che hanno una forma ormai altamente modificata tale da non essere riconosciute dal sistema immunitario.

 

Il polline, la polvere presente in casa, muffe ed altri allergeni possono provocare allergie anche negli animali domestici, in particolare nei gatti?

Si, ci possono essere allergie anche ambientali, come per esempio dovute agli acari.

 

Come evitarne l’insorgenza se il nostro gatto ne è allergico?

Sicuramente diminuendo le esposizioni. Esistono in commercio dei vaccini anallergizzanti usati spesso con buon risultati.

 

 

Ilaria Giovani