Spesso altezzoso, solitario, quasi indifferente: parliamo del gatto, l’amico a quattro zampe che più di tutti tende a farsi desiderare. Spesso passeggia per casa con un’aria altezzosa e regale, quasi come fosse superiore a chiunque lo circondi, tanto che  volte inducono il proprio padrone a mettere in dubbio il loro amore.

Eppure dietro a quella facciata da duro spesso si nasconde un cuore tenero. Ecco 6 modi in cui un gatto dimostra il suo affetto… visto che forse non ce ne accorgiamo!

1. Un gatto che lecca il viso del suo amico a due zampe gli comunica vuole comunicargli un sentimento di intimità per instaurare lo stesso tipo di rapporto che una mamma instaura con i suoi piccoli.

affetto gatto 1

2. Le fusa sono un limguaggio molto usato dal gatto per comunicare con l’uomo. Possono rappresentare la loro voglia di essere coccolati, un modo per richiedere affetto, ma anche disagio e ricerca di sicurezza e protezione.

affetto gatto 6+

3. Nel momento in cui il gatto si sdraia sulla schiena tenendo esposta la pancia replica lo stesso gesto che il cane usa per mostrare vulnerabilità e fiducia. In questo caso il felino si sentirà completamente a proprio agio e sarà possibile, sempre con estrema cautela, accarezzargli la pancia.

affetto gatto 2

4. Quando il gatto strofina il suo muso contro una parte del corpo o la stessa faccia del padrone sta dimostrando tutta la sua fiducia e non solo: è anche un gesto di completa appartenenza all’amico umano.

affetto gatto 3

5. Anche il contatto è fondamentale perchè è un modo in cui il gatto, solitamente solitario, cerca di mostrare affetto e cercare protezione. Nel caso voglia condividere degli spazzi comuni come il letto o il divano si dovrebbe lasciarglielo fare.

affetto gatto 4

6. “Fare la pasta” è un’azione molto comune da parte dei gatti e li riporta ai primi giorni insieme alla loro mamma quando con lo stesso gesto cercavano di fare uscire il latte dal ventre materno. È un segnale di affinità e amore, di abbandono intimo ed emotivo.

affetto gatto 5

 

 

Roberta Ravelli