I furetti sono animali simpatici ed intelligenti, che negli ultimi anni si sono diffusi come animali domestici “alternativi” al classico cane o gatto. Visto che si tratta ancora di un animale “nuovo”, però, molti proprietari non sono informati sulle malattie che possono colpirlo: vediamo quali sono.

Non è facile da immaginare, ma il furetto è piuttosto sensibile al virus dell’influenza, lo stesso che tormenta noi umane e che può essere trasmesso tra le due specie. Anche i sintomi sono gli stessi: febbre, tosse, starnuti, scolo dal naso; i furetti adulti possono superarla piuttosto bene, mentre per i più giovani può addirittura essere mortale.
Particolarmente diffuse tra questi piccoli animali sono poi le gastroenteriti, che possono avere diverse cause e portano a diarrea, vomito ed inappetenza. Pur non essendo di per sè mortale, bisogna intervenire rapidamente perchè un animale così piccolo rischia di disidratarsi piuttosto rapidamente.
Il cimurro è un’altra malattia piuttosto pericolosa per i furetti, che se non sono stati vaccinati rischiano la vita; questa malattia porta febbre alta, croste,catarro ed inappetenza. Altro possibile rischio è la rabbia, i cui casi però sono limitati ad alcune zone d’Italia, per cui sarà il veterinario a valutare se sia necessaria o meno la vaccinazione (lo è sempre, però, se viaggiate all’estero con il vostro amico).
Ci sono poi alcune malattie caratteristiche della famiglia dei mustelidi, alla quale il furetto appartiene; tra queste abbiamo la malattia aleutina, che causa feci scure, febbre, perdita di peso, sete intensa ed incontinenza urinaria, tremori e paralisi posteriore.Le femmine non sterilizzate vanno poi incontro al rischio di un iperestrogenismo, una malattia dovuta all’eccesso di ormoni che si manifesta con perdita di pelo, affaticamento e pallore delle mucose. Del resto, la sterelizzazione in questi animali è praticamente indispensabile, per quanto l’intervento possa stimolare l’insorgenza di un’altra malattia ormonale: l’iperadrenocorticismo, i cui sintomi sono praticamente uguali a quelli di un calore (che però, avvenendo in un animale sterilizzato, deve destare sospetti).
Infine, i furetti mostrano una certa tendenza allo sviluppo di tumori di diverso tipo; non è però chiaro se ciò sia dovuto alla genetica, allo stile di vita o alla mancanza di controlli veterinari specialistici.