Tutti gli animali hanno il loro linguaggio. E quindi anche i conigli, bestiole di carattere; ma certamente non è facile capirli, del resto, sono di poche parole!

Il coniglio, è un animale altamente sociale, e in virtù di questo ha sviluppato una serie di segnali per comunicare il proprio stato d’animo. Ricordiamoci che è pur sempre una preda, e questo lo induce per istinto ad essere piuttosto timoroso. È opportuno quindi avere cura di interpretarne i segnali, per evitare di spaventarlo. Per lui potrebbe essere fatale.

A seguire alcuni segnali ai quali fare attenzione per capire cosa vuole dirci il nostro batuffolo.

Quando il coniglio:

– Si stende lungo, pancia a terra.
Si sta acclimatando. Mediamente indica stato d’animo quieto.

– Digrigna i denti.
In questo caso il nostro amico è piuttosto nervoso. Potrebbe anche non stare bene.

– Morde le sbarre della gabbia.
Probabilmente vuole uscire.

– Si accuccia con le orecchie indietro;
è spaventato. In questi casi è bene lasciarlo tranquillo. Se è appena arrivato, fatelo ambientare senza pressioni.

– Si alza sulle zampe posteriori.
Lo fa perché è incuriosito da qualcosa intorno a lui e vuole “approfondire”.

– Batte a terra le zampette mantenendo al contempo le orecchie ben dritte e gli occhi bene aperti.
Qualcosa lo disturba, e intende così “avvertire” chi lo circonda dell’eventuale pericolo.

– Soffia o morde.
Chiaramente non è aria. Meglio lasciarlo stare!

– Saltella in qua e là.
In questo caso è felice e giocoso.

-Ci lecca e ci girella intorno.
Sono entrambi segnali di affetto e apprezzamento. Per dirla tutta, fare dei giri intorno, è il modo che i conigli hanno di corteggiare una possibile compagna. Tuttavia, in mancanza di una coniglietta, tutto l’affetto si rivolge all’amico che più apprezzano.

– Strofina il mento contro qualcosa.
Ne reclama la proprietà. Sotto il mento, infatti, i conigli hanno una ghiandola che permette loro di “marcare” il territorio.

– Ci da le spalle.
Niente paura, non è offeso e non fa il sostenuto. Il nostro coniglietto, semplicemente, si fida di noi, tanto da non dover stare all’erta e tenerci d’occhio.

Considerato tutto, non è un vocabolario da poco.
Allora, tutto chiaro?