Quando si abita in appartamento ma non si vuole rinunciare alla compagnia di un cane, l’ideale è tenere con sé un cucciolo di taglia piccola.

Attenzione, però, perchè non sempre cani di dimensioni ridotte significano esigenze minime in fatto di spazio: ci sono cani che per natura sono nati cacciatori e pertanto devono sfogare la propria indole di predatori correndo e scavando. I cani in questione non si prestano, dunque, ad essere tenuti in appartamento e, nella fattispecie, parliamo dei Terrier, Jack Russel e Fox Terrier.

I veri e propri cani “da salotto” o “da grembo” sono quelli che non richiedono particolari attenzioni in fatto di movimento e sono razze indicate a chi non ha troppo tempo a disposizione per portarli a fare lunghe passeggiate.

Tra tutti, spiccano il Barboncino, il Bolognese, il Bassotto, il Maltese, il Pechinese, il Chihuahua, lo Yorkshire, il Carlino, il Pinscher ed il Cavalier King ma è anche vero che tra le razze medie ci sono dei cani che non hanno grosse esigenze di moto e dunque possono essere tenuti anche in spazi ridotti. Ne è un esempio lo Shar-pei che con la sua peculiarità di essere molto pulito e poco attivo, non richiede giardini o spazi aperti.

Quelli che abbiamo citato sono cani considerati poco impegnativi, che tendono a passare la maggior parte del loro tempo sdraiati sul tappeto o a dormire nella loro cesta. Va tenuto presente, però, che quando il cane è ancora cucciolo è naturale la sua predisposizione verso il gioco, la scoperta di cose nuove e del territorio e potrebbe, dunque, causare qualche danno agli oggetti di casa. E’ inoltre vero che se passiamo la maggior parte della nostra giornata fuori per impegni di lavoro ed il cane è costretto a stare solo per lungo tempo, al rientro potrebbe accoglierci con corse scatenate ed entusiasmo troppo vivo.

Ad ogni modo, sono tutte razze che adorano la compagnia di adulti e bambini, sono considerati grandi amanti delle coccole e delle spazzolate se hanno il pelo lungo, magari comodamente sdraiati sul grembo di chi effettua l’operazione.

Per un cane da appartamento non bisogna sottovalutare il problema del pelo, questo è un punto fondamentale da tenere presente se qualche componente della nostra famiglia soffre di particolari allergie al pelo dell’animale: se così fosse è necessario orientarsi su razze a pelo corto, come il bassotto o il carlino, tenendo comunque presente che, nel periodo di cambio della muta, troveremo comunque peli sparsi per casa che potrebbero essere fonte di starnuti ed intolleranze.