Molto spesso chi va al canile o al gattile con il desiderio di portarsi a casa un nuovo amico a quattro zampe da accudire e coccolare, non è del tutto consapevole della scelta che sta per compiere, e anzi, finisce per farsi intenerire dagli occhioni dei cani o gatti che si ritrova davanti.

 

Eppure, per quanto un animale possa essere bello e sembrare perfetto, molte volte si scopre che in realtà il suo carattere non ha niente a che fare con il proprio, scatenando una serie di conseguenze che possono anche diventare spiacevoli.

 

Ecco allora che tre ragazze di Modena hanno ideato un metodo razionale e realizzato una start up per fare incontrare esseri umani e animali, tutti rigorosamente facente parte di canili o gattili, a differenza di altri servizi analoghi di dating online già presenti in Svizzera e negli USA.

 

bestiacce
Giulia Beltrami, Clizia Welker e Roberta Chelotti: le ideatrici di Bestiacce

 

Gli amici a quattro zampe vengono analizzati in maniera scientifica e successivamente raggruppati in categorie grazie alle competenze di Giulia Beltrami, zoologa e socia del progetto insieme a Clizia Welker e Roberta Chelotti, che si è avvalsa anche della consulenza dell’Università di Parma.

 

Lo spirito libero, il pigiama, la mammola, il burlone, l’assistente personale e il vulcano sono le sezioni all’interno delle quali è possibile trovare il cane affine al carattere di ogni utente, che in primo luogo dovrà effettuare un test in cui descrive quello che è e la sua situazione.

 

Una volta individuato il candidato, l’utente non dovrà far altro che recarsi nella struttura dove potrà capire se il suo interesse è corrisposto.

Lì avrà luogo uno “Smart Match”, incontro intelligente alla fine del quale, se davvero scoccherà la scintilla, si potrà procedere all’adozione.

Per ora il servizio è attivo a Modena, Rovereto, Torino, Verona e Bologna e presto sarà attiva anche la sezione dedicata ai gatti!

 

bestiacce
Start up Bestiacce, dating online

 

Chi già possiede un amico a quattro zampe può comunque fare il test per comprendere a quale categoria appartiene la piccola canaglia che riempie le sue giornate.

 

Il sito, inoltre, garantisce anche servizi a tariffa agevolata con sconti da parte dei partner dell’operazione, dai veterinari agli educatori, dai negozi di toilette alle pensioni. Il 10% dei ricavi andrà a canili e gattili partecipanti.

 

 

 

Roberta Ravelli