L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nella salute e nel benessere di qualsiasi cane. Un’alimentazione per essere corretta deve seguire percorsi diversi in base all’età dell’amico a quattro zampe.

La vita di Fido può essere suddivisa in 3 grandi fasi: cucciolo, adulto e anziano e il fabbisogno energetico di ogni cane varia in base alla sua taglia ed alla sua razza.

 

 

CUCCIOLO

Nel primo mese di vita del cucciolo il latte della mamma è un alimento completo che non deve essere sostituito con il latte vaccino, in quanto quest’ultimo non contiene le proteine e le calorie necessarie per il fabbisogno del cane. L’inizio dello svezzamento avviene in genere dopo le 3 o 4 settimane di nascita del cucciolo: si propongono gradualmente al nuovo amico alimenti secchi, meglio se bagnati con un po’ d’acqua per migliorarne la digestione. Nel periodo dello svezzamento sono consigliati quattro pasti.

 

ADULTO

L’ideale è alternare un’alimentazione casalinga ad una di tipo industriale. Cucinare saltuariamente per il proprio cane dei piatti ricchi di energia, che contengano carne, riso e qualche verdura. In commercio per Fido ci sono principalmente due tipi di alimenti: cibo secco e cibo umido. Per un’alimentazione bilanciata, andrebbero somministrati entrambi. Un cane adulto non dovrebbe superare i due pasti al giorno.

 

ANZIANO

Per il cane anziano il consiglio è quello di utilizzare degli alimenti specifici per contrastare l’invecchiamento e per facilitare la digestione. Ne esistono diversi in commercio, ma ogni cane ha le sue peculiarità e per questa ragione è sempre meglio chiedere un parere al proprio veterinario su quali di questi prodotti acquistare. L’alimentazione in questa fase di vita del cane dovrà avere un apporto calorico minimo.