Con l’arrivo del Natale spesso i bambini nella letterina chiedono un caldo cucciolo di cane da coccolare, ma poi, finite le feste, iniziano i primi problemi. Come evitarli? Basta pensarci bene e organizzare un ottimo planning.

 

Prima di prendere un cane è bene pianificare l’entrata in casa del cucciolo per capire se l’idea è congeniale allo stile di vita abituale: se tutti coloro che regalano cuccioli fossero davvero pronti, non si verificherebbero tutti gli abbandoni che si registrano solitamente nel periodo estivo.

Per prima cosa bisogna valutare se il bambino desidera davvero un cane, ovvero, un essere vivente che ha bisogno di cure ed è dotato di sensibilità, oppure vuole solo un giocattolo un po’ diverso: è sicuramente importante, infatti, testare il grado di amore e rispetto verso gli animali.

Risolto questo primo dubbio, si dovrà considerare quante ore il cane dovrà restare da solo in casa durante la giornata, valutate se gli spazi disponibili siano sufficienti ad accoglierlo e soprattutto il tempo a disposizione per portarlo a spasso.

Ricordate che la prima fase è la più difficile perché c’è bisogno di dare delle regole di convivenza civile al nuovo amico a quattro zampe e questo richiede molto impegno: un cane non nasce già educato, è necessario istruirlo per evitare che la coabitazione si trasformi in incubo.

Non dimenticate poi il fattore vacanze: è vero che negli ultimi anni sempre più strutture turistiche permettono l’ingresso agli amici a quattro zampe, ma siamo ancora in una fase iniziale nella quale è importante cercare di capire se siate disposti a pagare di più per portarlo con voi o ad adattarvi alle località che lo permettono; l’alternativa può essere una pensione per animali, soluzione però complicata perché alcuni cani dimostrano scarsa adattabilità lontano dai padroni e non è raro che si debbano sospendere le vacanze per tornare dall’animale  irrequieto.

 

Infine dovete considerare il fattore economico. Non pensate al prezzo di acquisto: è possibile prendere cuccioli gratis o adottarli presso un canile. Ciò che è più dispendioso riguarda le eventuali cure dal veterinario: azioni antiparassitarie, sterilizzazioni, vaccini o anche malattie vere e proprie.

Bisogna essere assolutamente certi di avere tutte le possibilità per prendersi cura  del proprio cane.