Se deciderete di preparare in casa la pappa per il vostro amico a quattro zampe, dovrete necessariamente conoscere bene quali siano gli alimenti consentiti e quali quelli assolutamente da evitare . Alcune sostanze che vengono normalmente consumate dagli umani, per i cani potrebbero risultare addirittura tossiche.

Uno dei fattori da tenere in considerazione è sicuramente l’età del cane, infatti il fabbisogno nutrizionale di un cucciolo sarà sicuramente molto diverso da quello di un cane anziano, sia a livello energetico che a livello qualitativo.
Il calcio ed il fosforo sono elementi che vanno accuratamente bilanciati, soprattutto per un cane in crescita. La prima regola da osservare è quella di non fornire mai al cane cibi crudi, in particolar modo la carne, che potrebbe contenere batteri molto dannosi per la salute dell’animale, ma anche per tutti coloro che entreranno in contatto con lui. Anche la taglia del cane è importante. Se possedete infatti un bel Terranova è abbastanza evidente che le sue esigenze nutrizionali saranno ben diverse da quelle di un piccolo Chihuahua. Una volta determinato il fabbisogno energetico del vostro quatto-zampe potrete individuare le percentuali degli elementi fondamentali presenti nei vari alimenti e programmare con cura i pasti.

Dovrete in ogni caso considerare che le verdure e gli ortaggi forniscono le necessarie vitamine e i sali minerali. Datele al cane cotte, poiché risultano più digeribili e fate in modo che rappresentino almeno il 10% dei suoi pasti. Le più indicate sono carote, zucchine e patate, riutilizzandone magari l’acqua di cottura per cuocervi la pasta o il riso. Il riso e la pasta sono infatti un’ ottima fonte di carboidrati, ma fate attenzione a somministrarli ben cotti e a sciacquare il riso dopo la cottura per eliminare l’amido in eccesso. Lo yogurt e i formaggi freschi costituiscono un’ottima fonte di calcio mentre il latte vaccino va somministrato con attenzione, poiché potrebbe causare episodi di dissenteria anche molto gravi. L’intestino del cane infatti non contiene la lattasi, l’enzima necessario per digerire il lattosio in esso contenuto. Anche le uova rappresentano una buona fonte proteica, ma non vanno somministrate più di una o due volte alla settimana.

I cani sono essenzialmente carnivori, quindi possono mangiare carne purché questa non sia l’unico alimento della dieta. Può essere sostituita oltre che dalle uova e dai formaggi freschi anche dal pesce, ben cotto e privato di tutte le lische. Quest’ultimo molto indicato in quei soggetti con particolari intolleranze alimentari. Anche l’olio ha la sua importanza nella dieta del cane e va mischiato agli alimenti in quantità moderata.