Che si acquisti un cane in allevamento o lo si adotti presso un rifugio, una delle prime cose da fare è pensare alla sua educazione per fare in modo che acquisisca le principali regole comportamentali e si instauri un ottimo rapporto tra cane e padrone. Come fare? Molti si buttano sul fai-da-te tentando di impartire lezioni di buone maniere al cane già dalla tenera età premiandolo poi con il classico biscottino o associando all’azione correttamente svolta dall’animale il suono del clicker.

Tuttavia non è così semplice come si possa credere e, nella maggior parte dei casi, l’uomo si scoraggia e sveste i passi di educatore. Meglio, allora, rivolgersi ad un centro cinofilo specializzato o ad un esperto nella materia ed affidarsi a lui per far sì che il nostro amico a quattro zampe impari le regole base di convivenza in famiglia. Un buon educatore inizierà prima di tutto a creare un rapporto con l’animale mettendo bene in chiaro che è lui il capobranco e non il contrario ed il cane dovrà sottostare ed adeguarsi alle sue regole. Non si tratta di addestramento, ma di vera e propria educazione per garantire il benessere suo e della famiglia in cui è inserito.

Tanti sono i centri specializzati in questo e non è difficile trovare quelli più vicini alla vostra zona di residenza. Ci sono dog-trainer che preferiscono venire a casa vostra per educare il cane direttamente nel contesto in cui è inserito, o centri in cui il nostro Fido imparerà le regole per poi riportarle nel suo ambiente domestico. L’invito è quello di prendere informazioni o leggere recensioni sugli educatori prima di sceglierlo, onde evitare di causare al cane ulteriori motivi di stress o disagio. E’ bene passare dal proprio veterinario per farsi dare qualche dritta o farsi consigliare qualcuno di fidato con cui, magari, ha già avuto modo di collaborare. L’esperienza diretta è il miglior biglietto da visita, in questi casi. In alternativa, in rete vengono quotidianamente presentati centri o allevamenti che forniscono supporto ai nuovi padroni del cane; pensiamoci bene e mettiamo in conto di far loro una visita di controllo prima di affidarsi ad occhi chiusi. Del resto, per il nostro amico a quattro zampe, non è forse vero che chiediamo solo il meglio?