In pieno periodo di partenze per le vacanze estive, è bene segnalare un’iniziativa che renderà il viaggio più semplice per chi si sposta in treno in compagnia del proprio cane: la possibilità di far salire il proprio amico a bordo dei treni veloci.
Trenitalia ha infatti deciso di consentire, in via sperimentale dal 25 luglio fino alla fine del mese di settembre, l’accesso sui treni veloci (Eurostar, Frecciabianca, Frecciarossa e Frecciargento) ai cani di qualsiasi taglia.

Ovviamente, però, ad alcune condizioni e con qualche limitazione. Innanzitutto, bisognerà munirsi del biglietto per il quattrozampe, alla metà del prezzo di un biglietto di seconda classe o servizio Base per la tratta da percorrere. Il cane deve inoltre viaggiare con guinzaglio e museruola e, se il treno sul quale si sta viaggiando è suddiviso in scompartimenti, il proprietario dovrà provvedere a prenotarne uno per intero. La possibilità di viaggiare con il proprio compagno a quattro zampe è poi limitata alla prima e seconda classe di tipo “Standard” e “Business”, mentre è esclusa ai livelli superiori (“Executive” e “Premium”); il cane non potrà inoltre accedere alla cosidetta “Area del Silenzio” ed ai salottini.

Rimangono invece invariate le regole per il trasporto dei cani di grossa taglia sui treni regionali: il nostro amico può viaggiare, sempre pagando il 50% del prezzo del biglietto e con guinzaglio e museruola, nell’atrio dell’ultima carrozza, ma non nelle ore di punta (dalle 7 alle 9 dei giorni feriali).
I cani di tagli più piccola, se rimangono nel loro trasportino (le cui dimensioni, ricordiamo, non devono superari i 70x30x50 cm.) possono invece viaggiare gratuitamente praticamente su qualsiasi treno ed in qualsiasi classe, purchè ovviamente non disturbino gli altri viaggiatori; è però possibile che il proprietario debba viaggiare con il trasportino sulla ginocchia, specialmente sugli ETR, per mancanza di spazio.
E’ bene poi ricordarsi di portare con sè i documenti del proprio amico: sia il certificato di iscrizione all’anagrafe canina, sia il libretto sanitario possono infatti essere richiesti durante il viaggio.
Un’ultima nota, infine, riguarda cani guida per i non vedenti, i quali possono viaggiare gratuitamente e senza limitazioni su tutta la rete ferroviaria.