Il cane è da sempre il migliore amico dell’uomo e lo diventa ancora di più nel momento in cui svolge un corso per cani di salvataggio e cani bagnino. Ovviamente il cane deve essere già predisposto al nuoto, come il Labrador o il Terranova; grazie a questi corsi che si svolgono tramite la Scuola Italiana Cani Salvataggio, questi piccoli amici a quattro zampe hanno salvato la vita di molte persone nel corso degli anni.
Il corso di addestramento per cani di salvataggio è della durata media di circa un anno, durante il quale cane e padrone dovranno entrare in un rapporto di simbiosi basato dulla fiducia estrema. Il corso si compone di due fasi: la prima fase prevede l’addestramento a terra e si svolge generalmente in inverno; durante questa fase il cane dovrà apprendere a comportarsi bene e ad avere un’ottima condotta anche senza bisogno di utilizzare il guinzaglio e dovrà socializzare con altri suoi simili. La seconda fase, invece, comprende l’apprendimento di ogni tipo di tecnica da utilizzare in acqua; innanzitutto il cane deve imparare a nuotare in modo corretto, prima cominciando come un gioco, fino a non avere alcuna paura dell’acqua. A questo punto il cane e il conduttore dovranno simulare verie propri salvataggi di persone che stanno per affogare, al fine di ottenere un’ottima intesa e complicità tra cane e conduttore; in seguito le tecniche vengono perfezionate in modo tale da garantire al cane l’esecuzione di un corretto salvataggio anche in condizioni estreme di mare agitato e con più persone da trarre in salvo. In ultima analisi il cane dovrà riuscire a salvare anche piccole imbarcazioni o gommoni con persone all’interno, in quanto un cane ben addestrato riesce nella sua impresa.
Quando l’addestramento sarà terminato e il cane avrà appreso tutte le tecniche necessarie, sarà sottoposto, insieme al conduttore, ad un esame che sarà valutato da una commissione prescelta che rilascerà il brevetto di cane di salvataggio, in caso di esito positivo.