In realtà tutti gli animali per istinto sanno già nuotare o quanto meno galleggiare, il vero problema è insegnare al cane a non avere paura dell’acqua.

Molti animali infatti, pur se istintivamente sanno nuotare, non amano assolutamente l’acqua e si rifiutano di entrarvi.
L’ideale per far vincere al vostro cane questo timore o comunque il fastidio del contatto con il liquido, è far si che l’approccio avvenga prima possibile, quando l’animale è ancora in tenera età. Ovviamente il cucciolo deve aver già fatto tutti i vaccini ed avere almeno 3 mesi.

Portate il cagnolino a fare le sue prime prove, in una zona con accesso in acqua facile, come ad esempio una spiaggia ed in un periodo caldo, il cane non deve avere assolutamente alcuna sensazione di fastidio e l’acqua fredda non sarebbe sicuramente piacevole.
Entrerete in mare con lui, quindi attrezzatevi con il costume e non dimenticate di portare un telo anche per il vostro “fido”.
La prima prova da fare, è di farvi seguire, magari giocando, tirando delle palline in acqua o uno dei suoi giochi preferiti, ma non molto lontano dalla riva, inizialmente il cane dovrà solo bagnarsi le zampe, cominciare a prendere confidenza con questo nuovo elemento e capire che non è pericoloso.
Quando avrà conosciuto il mare e lo vedrete tranquillo nel rapporto con esso, comincerete ad avanzare sempre più nell’acqua, continuando a giocare con il cagnolino.

Non schizzatelo o mandatelo sott’acqua contro la sua volontà, perché vivrebbe l’esperienza come un trauma e rifiuterebbe un nuovo ingresso.
Se il cagnolino si mostra molto diffidente e si non vuole andare oltre il bagnarsi le zampe, potrete prenderlo in braccio, noterete che man mano che avanzate nell’acqua, lui muoverà le zampe, in maniera ritmatica, cominciando praticamente a nuotare sospeso in aria. Continuate ad avanzare lentamente parlando in maniera affettuosa al vostro cane, fin quando l’acqua arriverà alla vostra vita, a quel punto lo adagerete lentamente delicatamente nell’acqua, continuando a tenerlo da sotto le zampe anteriori. State attenti perché potrebbe graffiarvi involontariamente, quindi non avvicinate il vis.
Quando si mostrerà più sicuro, lasciatelo andare da solo, ma cercate di non farlo direzionare verso la riva, tenetelo vicino a voi, parlando e accarezzandolo di continuo.
Quando uscite, asciugate il cane e dategli un premio, il suo biscottino preferito, così la volta successiva assocerà il suo andare in acqua con il premio.