Le passeggiate al parco, le corse sul prato e gli immancabili rotoloni su erba bagnata e fango. Lavare il cane non è soltanto un fattore di bellezza ed estetica, ma un momento importante di igiene, cura e prevenzione del pelo.

Come fare il bagno al cane? Quali prodotti bisogna scegliere e che cosa usare durante il lavaggio?

 

I veterinari consigliano un bagno per ogni stagione. Lavaggi troppo frequenti possono provocare secchezza della pelle e del pelo, oltre che irritazione. La cute del cane supporta uno strato di grasso naturale che lo protegge dagli agenti patogeni e dalle micro polveri. Seppur scegliamo prodotti naturali e non aggressivi, i saponi eliminano temporaneamente questo strato protettivo.

 

Il lavaggio completo del cane si deve fare dentro una bacinella o un piatto doccia, con l’acqua che copre metà delle zampe. Si inizia con lo spazzolare il manto del cane e si toglie il pelo morto, per evitare i fastidiosi nodi a riccio che si creano con la schiuma del sapone.
Terminata questa fase, si inizia a bagnare il cane con l’acqua. Partenza dalla pancia, per abituare lentamente il cane alla sensazione di bagnato; dopodiché si passa alla coda e si arriva lentamente al collo. E’ importante non bagnare subito il viso e proteggere occhi e l’interno delle orecchie.

 

Quando il nostro amico è sufficientemente zuppo si applicano i prodotti: shampoo, balsamo e oli nutritivi o districanti. Bisogna scegliere soluzioni il più possibile neutre e delicate, senza profumazioni aggressive. Ad ogni insaponata il pelo va pettinato prima del risciacquo. Questo sempre per evitare la creazione di nodi e ricci di pelo incastrati.

 

Fate attenzione alla temperatura dell’acqua: senza il suo strato protettivo, il cane è sensibile alle scottature. Soprattutto per i cani predisposti alle malattie ossee, evitate il lavaggio in luoghi con correnti d’aria e asciugateli subito per evitare i ristagni di umidità, in particolare nella zona posteriore, vicino all’attaccatura della coda.

 

Si può scegliere di asciugare il cane con il phon, tenendolo a giusta distanza dal pelo. Se volete far asciugare il vostro cane al sole, assicuratevi che non sia una giornata ventosa e passategli spesso addosso l’asciugamano, per diminuire la permanenza sul pelo dell’umidità.

 

In ultimo, ricordatevi di non applicare subito gli antiparassitari  a fiala o spray. Questo perché la sua pelle, senza lo strato protettivo, è sensibile agli agenti chimici dei prodotti che usiamo per eliminare pulci, zecche e altri parassiti. Tra il bagno e l’applicazione dell’antiparassitario devono passare circa sei giorni.