Da secoli i cagnolini sono simpatici animali da compagnia e diventano importanti all’interno di una famiglia, ma è altrettanto importante sapere come calcolare l’età del vostro cane in rapporto all’età umana, soprattutto per conoscere eventuali tipi di problemi in cui si può incorrere.

La teoria più gettonata o meglio quella che tutti credono veritiera è che ogni anno di vita del cane corrisponde a sette anni umani, ma non è così.
Da premettere come prima cosa è che l’età dipende soprattutto dalla razza e dalla stazza del cane, in quanto i più piccoli vivranno di più, mentre per i cani di taglia grande corrisponde la regola vigente, cioè ogni anno canino corrisponde a sette anni umani.
La prima fase di vita, cioè i primi due anni è uguale per tutte le razze, ove il primo anno quindi corrisponde a quindici anni umani, il secondo invece a ventiquattro anni umani, mentre dal terzo anno di vita in poi il calcolo cambia, perché appunto bisogna considerare la taglia del cane.
Nei più piccoli dunque, ogni anno aggiuntivo corrisponde a cinque anni umani, quindi tre anni saranno ventinove, quattro trentaquattro, cinque trentanove e così via.
Nei cani di razza media invece, dopo i ventiquattro mesi vanno aggiunti sei anni umani, tre in questo caso corrispondono a trenta anni umani, quattro trentasei e cinque quarantadue.
Mentre per i cani di taglia grande bisogna aggiungere sette anni ai ventiquattro dopo il secondo anno di vita, quindi tre anni sono trentuno, quattro trentotto e cinque quarantacinque.
Generalmente la vita dei cani è stimata intorno ai quattordici anni, quindi per un cane piccolo è il corrispondente di ottantaquattro anni umani, mentre i cagnolini di taglia media è di novantasei anni e per i cani di razza grande sono centootto anni umani.