Rollin’Safari. Questo il titolo del cortometraggio creato dagli studenti della Film Academy Baden-Württemberg in occasione del Festival dell’animazione in programma a Stoccarda nel mese di aprile. Divertenti corti d’animazione con protagonisti gli animali in versione “appesantita”.

La serie di cortometraggi realizzata dagli studenti tedeschi sta già spopolando in rete. Basta vedere qualche fotogramma per rendersi conto di quanto l’idea sia simpatica e divertente. Gli scenari sono quelli tipici della savana e i protagonisti sono gli animali. Dai coccodrilli alle gazzelle, dai fenicotteri ai leopardi tutti in versione obesa. In questa rivisitazione l’importante non è essere leoni o gazzelle e tanto meno è necessario correre, qui basta rotolare.
Se abitualmente siamo noi umani a dover fare i conti con l’ago della bilancia per una volta sono gli animali ad essere in deciso sovrappeso.Tutto ha inizio con un coccodrillo decisamente appesantito che goffamente galleggia a filo dell’acqua cercando di attaccare quelli che dovrebbero essere dei fenicotteri ma che hanno tutte le sembianze di palloncini. Il coccodrillo da feroce predatore a pallone gonfiato,non fa che rotolare buffamente sull’acqua.
E che dire del fiero leopardo che dorme accoccolato su un albero e che per colpa di una sbadiglio e dei chili di troppo si trova a precipitare comicamente a terra. Non mancano neanche le classiche zebre in versione extra large, che mentre si abbeverano al fiume incontrano quello che dovrebbe essere un coccodrillo ma che ha più l’aspetto di una boa. In mezzo a tutti questi animali in sovrappeso non poteva certo mancare una delle scene che fatto la storia delle animazioni ambientate nella savana: il leopardo che insegue la gazzella. Tutto nella norma se entrambi non fossero così appesantiti da finire per rotolare comicamente in mezzo alla savana. In un immaginario così gonfiato ogni scena di vita quotidiana vissuta nella savana assume sembianze comiche. Anche gli inseguimenti vengono vissuti al rallentatore a causa delle difficoltà motorie portate dai chili di troppo. Un cortometraggio in grado di raccontare la storia della savana in vena buffa e di offrire una panoramica del mondo animale a tutto tondo.