Gli uccellini sono senza dubbi tra gli animali domestici più diffusi. Purtroppo, per poter condividere la nostra vita, necessitano di una struttura di contenimento, una gabbia dove vivere. Vediamo dunque dove possiamo posizionarla per farli sentire più a loro agio, e per rendere a noi più facile la loro gestione.

Chiunque di noi abbia accolto un animaletto domestico sa bene quanto importante sia la cura del loro specifico “nido”. Per quanto riguarda i volatili, siano essi piccoli canarini, grandi pappagalli o simpatici merli, bisogna procurarsi una gabbia adeguata, che sia di proporzioni consone alla taglia del volatile, in modo da lasciargli una, se pur relativa, libertà di movimento.
La sua posizione è un aspetto fondamentale per il benessere dell’animale.

– Le gabbie (o meglio ancora le voliere), non devono mai essere esposte direttamente e completamente alla luce del sole, ma avere delle zone di ombra ove l’animale possa ritirarsi nel caso di caldo e luce eccessivi.

– Sarebbe opportuno, quando possibile, esporre, almeno nei mesi estivi o, quando il tempo lo permette, la gabbia all’aperto. Va bene se avete una terrazza riparata, ma è possibile studiare la sistemazione anche in giardino, con attenzione all’accesso dei predatori e all’esposizione diretta al sole. Gli uccelli, potrebbero così godere del naturale ciclo notte giorno, nonché del circolo dell’aria fresca
Soggiornare tutto il tempo in ambienti chiusi, potrebbe danneggiare il loro naturale ritmo biologico.

– Se state in un appartamento e non avete a disposizione spazi esterni dove posizionare di tanto in tanto la gabbia, cercate almeno di lasciare all’animale la visuale del cielo, anche durante la notte, e magari di un po’ di verde se c’è, posizionando la gabbia vicino ad una finestra (fermo restando che non si trovi troppo esposta al sole, come spiegato precedentemente).

L’altezza della gabbia, nel caso sia un modello da appendere, è un altro fattore importante. Posizionarla in modo da aver facile accesso ad essa per le operazioni di pulizia e di rifornimento di cibo ed acqua, ma abbastanza lontana da mobili o più in generale appigli se avete in casa altri animali “curiosi” (ad esempio, gatti).