Questa è la storia di un cane di nome Evaristo che ha lasciato tutti a bocca aperta; un pet che dopo la morte del suo padrone Massimo, colpito da un malore mentre passeggiava nei boschi di Brezzo di Bedero, ne ha vegliato per due giorni di seguito la salma.

Evaristo è ora rimasto orfano e cerca qualcuno che lo prenda con sé per colmare il vuoto di affetto. È un meticcio di sette anni e se non troverà al più presto una casa sarà costretto a passare il resto dei suoi anni rinchiuso in una gabbia, nel canile di Luino. Gli operatori della struttura hanno lanciato un appello per il docile Evaristo e per gli altri piccoli animali che attualmente sono li ad aspettare una famiglia.

 

L’animale ha sofferto molto per la perdita del padrone; è un cane socievole, molto affettuoso, abituato a vivere in casa a contatto con gli esseri umani. L’appello dei volontari del canile è rivolto a tutti coloro che desiderano prendersi cura di un animale molto empatico. L’assenza di contatto umano ha messo a dura prova Evaristo e lo ha stremato: infatti non mangia da qualche giorno e continua a dimagrire.

Barbara Ughi, la volontaria che si occupa del cane e che ha ritrovato il corpo di Massimo, racconta che l’animale non permetteva a nessuno di avvicinare il corpo esanime del padrone.
Massimo a suo tempo lo rinvenne abbandonato in Spagna in uno stato compassionevole e lo portò in Italia per circondarlo di calore umano e tranquillità in una nuova vita.

 

Tutti gli interessati potranno contattare i volontari alla mail: [email protected] oppure telefonare al numero 3472282743.