Una dieta sana ed equilibrata è un elemento fondamentale per il benessere e le prestazioni del cavallo.
Bisogna prestare attenzione alla differenza tra le razze equine e diversificare la dieta a seconda che il cavallo sia allo stato brado o chiuso in recinto, e se gli si richiedono alte prestazioni fisiche o meno.

L’energia apportata con il cibo deve essere tarata sul dispendio dell’animale; questo si differenzia a seconda che il nostro cavallo sia domestico o viva in allevamento dove è destinato a svolgere più esercizi fisici. Il cavallo allo stato brado esonera l’uomo dalla responsabilità della dieta, pensando da solo al proprio bilanciamento calorico apportato soprattutto da vegetali.

L’eccesso di cibo può determinare un pesantezza che ne pregiudicherà prestazioni e metterà in pericolo la sua salute, al contrario, una dieta insufficiente può arrecare crisi di debolezza.

Nella giornata del cavallo non dovrebbe mai mancare il fieno, che dovrebbe costituire almeno i 2/3 dell’alimentazione totale, da preferire le varietà con molte foglie e poche spighe.

La paglia è utile per dotare l’animale del giusto quantitativo di fibre. Un cavallo che abbia avuto un gran dispendio di energie è corretto che riceva una buona dose di cereali: avena, orzo, mais, segale.

Spesso è naturale ricorrere ai mangimi commerciali di cibo concentrato e farine, una buona soluzione, dal sapore gradito al cavallo, ma non bisogna mai eccedere oltre il chilo e mezzo- due chili, e non devono mai rappresentare l’unico alimento della giornata dovremo sempre alternarli e mischiarli almeno con il fieno.

E’ cosa buona rinforzare la dieta con della frutta e verdura, in modo particolare, mele, pere, carote, da tagliare a pezzetti, onde non arrecare danni all’intestino equino, che è molto piccolo.
L’acqua deve essere sempre a “portata di muso” durante i pasti e comunque durante tutta la giornata.

Il cavallo deve mangiare spesso durante il giorno e con scarse quantità, infatti , se ne osserviamo il comportamento allo stato brado, noteremmo come la ricerca e l’assunzione di cibo in continuazione rappresenta una delle attività svolte con maggiore assiduità.
L’alimentazione, per gli equini, è molto importante e vista la “delicatezza” dello stomaco è bene rifornirsi solo da chi garantisce alti standard qualitativi e di conservazione degli alimenti, infatti, i cavalli sono spesso soggetti a parassitosi gastrointestinali, ulcere, coliche, troppe volte causate da diete non corrette.