La salamandra è un animale da terrario che ha bisogno di vivere in un ambiente molto grande.

Per allevare una salamandra come un pet è necessario avere una teca molto capiente ed è consigliabile non far convivere nello stesso ambiente più di due esemplari. Se le salamandre sono ancora piccole è possibile farle crescere anche in teche di dimensioni ridotte, da sostituire una volta che inizieranno a diventare più adulte.

 

Per ricreare un terrario simile al loro habitat naturale si può adoperare un substrato composto da terriccio di bosco naturale o della torba non trattata. Sopra la base si possono adagiare dei muschi, un po’ di foglie secche ed un legno contorto, sul quale le salamandre potranno arrampicarsi o nascondersi.
Se invece si preferisce movimentare l’ambiente con felci e piantine di vario tipo è necessario sistemare questi elementi in piccoli vasetti, più facili da curare e rimuovere per le pulizie di routine della teca. Il terriccio andrà costantemente umidificato, ma non dovrà mai essere eccessivamente bagnato.

 

In un angolo del terrario dovrà essere collocata una vaschetta con dell’acqua che servirà agli anfibi per bere di tanto in tanto ed umidificherà nella maniera più opportuna tutto l’ambiente della salamandra.

 

Per chi preferisce organizzare un habitat più sobrio e meno impegnativo può utilizzare solo un fondo uniforme di terra ed un coccio nel quale gli animaletti potranno trovare rifugio. In questo caso però si rischia di stressare oltremodo le salamandre perché non avranno possibilità di intrattenersi con gli oggetti.

 

Le salamandre vivono in natura a temperature costanti dai 20°C ai 24°C, e quindi è opportuno inserire nella teca appositi climatizzatori per evitare che gli animaletti si raffreddino o si riscaldino eccessivamente.

 

Per quanto riguarda l’alimentazione, le salamandre hanno una dieta molto varia e si cibano di lombrichi, tarme, cavallette, bruchi e di molti altri insetti. Sarà sufficiente offrire agli esemplari adulti tre o quattro insetti per due volte a settimana; discorso meno semplice per i cuccioli, che accettano di essere nutriti solo dagli adulti della specie a giorni alterni.

 

Far riprodurre le salamandre in cattività è un’impresa piuttosto ardua ma non impossibile. Per stimolarle è necessario ricreare nel migliore dei modi le condizioni climatiche naturali. Gli accoppiamenti avvengono solitamente in ottobre, mentre le larve vengono partorite a febbraio.